Non una apocalisse e neppure la perpetua insufficienza delle strutture che tengono in piedi Internet nel vecchio continente. Ma Netflix!

È proprio lui l’untore che sta ciucciando la banda mettendo in ginocchio gli operatori telefonici che non riescono a garantire qualità delle connessioni in questo periodo in cui le persone rimangono a casa, fanno smartworking, partecipano a e-learning, giocano online e naturalmente guardano film e serie in streaming.

Quanto di più semplice tagliare la banda a Netflix in modo da preservare preziosi dati così da ridistribuire democraticamente la richiesta.

Tutto giusto, tutto comprensibile, ma poi quanto tutto sarà finito. Quando l’emergenza sarà passata; qualcuno metterà mano alle web strutture?

La domanda è logica perché poi, altrimenti mi, tutta questa emergenza non sarà servita a nulla.

Oggi che sempre più utenti stanno utilizzando attivamente la rete una occasione persa sarà nuovamente un peccato di inestimabile valore.

Voi che avete in mano le chiavi per le connessioni al web di tutti noi, non buttate dalla finestra una occasione come questa per digitalizzare al meglio l’Italia.

Questa occasione unica in cui le strade e le autostrade si svuotano per davvero, non lasciamo che il traffico congestionato raggiunga ora la rete, allarghiamo le strade del web per dimostrare come un mondo diverso e più connesso, meno su gomma ma con più bit sia possibile.