Google,  Intelligenza Artificiale,  Internet,  OpenAI,  Tecnologia

Google Introduce il suo AI: Bard. Quale il futuro dell’azienda di Mountain View?

La competizione é solo all’inizio e dopo aver visto in azione chatGPT integrato nel mondo Microsoft, ora é la volta di Google e della sua versione di AI chiamata in codice Bard.

L’intelligenza artificiale alla base di Bard é chiamata LaMDA ovvero Language Model for Dialogue Applications

Bard cerca di combinare l’ampiezza della conoscenza del mondo con il potere, l’intelligenza e la creatività dei nostri grandi modelli linguistici. Attinge alle informazioni del web per fornire risposte fresche e di alta qualità. Bard può essere uno sbocco per la creatività e un trampolino di lancio per la curiosità…

… le nostre più recenti tecnologie di intelligenza artificiale – come LaMDA, PaLM, Imagen e MusicLM – stanno costruendo su questo, creando modi completamente nuovi per interagire con le informazioni, dal linguaggio e dalle immagini al video e all’audio. Stiamo lavorando per portare questi ultimi progressi dell’IA nei nostri prodotti, a partire da Search.

É questo quindi lo scenario immaginato da Google in cui tutte le tecnologie più recenti collegate all’intelligenza artificiale si fondono per generare interazioni complete con l’utente. Non solo ricerca e risposte alle domande ma anche funzioni e modelli che daranno integrate all’interno di tutto l’ecosistema dell’azienda di Mountain View.

il logo di Bard in generazione

Quindi vedremo AI applicato ad Android, alla musica, ai video su Youtube, alle Mappe, alle Foto ed a tutto quel genere di contenuti in cui Google é ancora oggi leader.

L’IA può essere utile in questi momenti, sintetizzando intuizioni per domande in cui non c’è una risposta giusta. Presto, vedrai funzionalità basate sull’intelligenza artificiale in Search che distillano informazioni complesse e prospettive multiple in formati facili da digerire, in modo da poter capire rapidamente il quadro generale e imparare di più dal web: sia che si tratti di cercare prospettive aggiuntive, come i blog di persone che suonano sia pianoforte che chitarra, o di approfondire un argomento correlato, come i passaggi per iniziare da Queste nuove funzionalità di intelligenza artificiale inizieranno presto a essere lanciate su Google Search.

Una AI connessa ai servizi che dovrà comunque fari i conti con il marketing e con il fatto che il comparto legato alla search é ancora oggi la colonna portante delle entrate finanziarie di Google.

La sfida più grande sarà di creare un giusto equilibrio tra usabilità ed immediatezza offerta da questa nuova tecnologia ed introiti derivanti dalle inserzioni.

(in corsivo le parole estratte dall’articolo pubblicato da Sundar Pichai, Ceo di Alphabet)