La grande festa Americana della convenienza e arrivata anche quest’anno aumentando sempre di più nella sua popolarità.

Non solo gli utenti sembrano essere travolti da questa nuova febbre e dell’oro che si tramuta in sconti imperdibili, ma anche rivenditori che in tutti i modi sgomitano per salire su questo carro pieno di offerte.

In tutto ciò non si può non notare come Amazon sia il vero protagonista delle vendite online di questo periodo, diventando quasi il sinonimo stesso del Black Friday.

Chi bazzica online e vuole fare shopping non può non aver fatto un giro su Amazon. Perché?

Il motivo non dipende solamente dal fatto che il gigante dell’e-commerce sia tra i più attivi a proporre sconti dedicati a questo periodo limitato dell’anno, ma è probabilmente anche il fatto che è stato soprattutto lo stesso Amazon ad importare dagli Stati Uniti questa festa. Vedendoci uno sviluppo nel nostro Paese ed investendoci in marketing in maniera massima.

Un esempio di quando la creatura di Jeff Bezos sia trainante per questo evento sta nel fatto che già oggi non si parla più di giorno del Black Friday ma di settimana del Black Friday: termine già da tempo sdoganato dai pubblicitari dell’azienda.

Può quindi un venditore di beni di consumo diventare esso stesso sinonimo di un evento mondiale?