Ormai sappiamo tutti cosa é il Black Friday e so benissimo che, diversamente da quanto scritto nel titolo, trattasi di giornata dedicata allo shopping con sconti molto “forti.

Nato come giorno post-abbuffata del giorno del ringraziamento americano (si tiene il quarto Giovedì di Novembre), quest’ultimo trova anche una collocazione logica e temporale negli Stati Uniti se si pensa che è proprio da questo venerdì He cominciano le operazioni di acquisto di regali di Natale.. 

La cosa è ben diversa nelle nostre latitudini, non avendo noi il Thanksgiving day da festeggiare, ma avendo una tradizione natalizia più legata al mondo cattolico: vedasi l’8 Dicembre.

Questo famoso venerdì nero è dunque un qualcosa che sta spopolando in Italia senza le radici della tradizione ma solo di quelle commerciali. Per questo motivo modificare le sue tempistiche diventa una operazione di marketing facile e che non va ad incidere in nessun modo sulla coscienza popolare.

Spazio dunque alla settimana del Black Friday con un prossimo futuro che potrà diventare il mese e perché no.. il semestre.

La mia è ovviamente una provocazione ma tutta questa voracità di annunci, promozioni, pubblicità ed eventi non possono nel medio periodo provocare una riluttanza da parte degli utenti? Non è Troppo? Non stiamo andando oltre?

I tempi sono ancora acerbi per qualsiasi considerazione ma é certo che questo nuovo Halloween in salsa nostrana sta traboccando dal vaso.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn