Ho provato 1 mese Yoga Book 10.1, il mini computer portatile che vuole essere un tablet, nel vero senso della parola. Come va? e la tastiera magica?

Sulla carta spettacolare e per chi ama la tecnologia come me non poteva certamente passare inosservato un device di questo tipo. Piccolo, compatto, con tastiera piatta che si trasforma in tavoletta grafica dove utilizzare la penna touch (inclusa nella confezione)

Lenovo nel creare questo computer ha certamente avuto l’obiettivo di dare in mano all’utente uno strumento che possa essere un tablet, per prendere appunti al volo ed in mobilità, sfruttando quella tastiera che potrei definire magica in versione “tavoletta grafica”, ed un portatile per usare la stessa tastiera in versione “tasti”avu.

Tre Utilizzi per un Solo Device: un 3 in 1 del tutto inedito

Diversamente dai classici 2 in 1 questo device lo si può definire come 3 in 1. A fianco delle classiche modalità tablet e computer si aggiunge infatti quella di pad per prendere appunti. La tastiera non solo si trasforma in una tavoletta grafica che diventa un block-note, ma con un blocco appunti di carta incluso nella confezione quest’ultimo diventa un vero e proprio libretto per appunti.

La versione dello Yoga Book che ho utilizzato io è quella con sistema operativo Android e come logico immaginare ha dato il suo meglio se utilizzato come vero e proprio tablet (tipo iPad per capirci) grazie al fatto di avere il Play Store e tutte le applicazioni dedicate ed ottimizzate. E’ praticamente la modalità più utilizzata da me nel tempo che l’ho avuto a disposizione.

Come strumento per prendere appunti sfruttando la penna digitale sfruttando i fogli fisici integrati che si appoggiano sulla tastiera in versione “tavoletta grafica” diventa molto originale anche se non praticissimo. Se questa soluzione ci permette di salvare appunti in mobilità oppure usare lo stesso per creare tutti i disegni che vogliamo con una penna vera ad inchiostro (la stessa penna inclusa permette questo), alla fine i fogli di carta non si usano mai. Un compromesso che non mi è piaciuto e l’ho trovato inutile.

In modalità computer, ovvero con tastiera abilitata, il limite di Android si è fatto subito sentire. L’interfaccia grafica seppur ottimizzata per essere usata anche con la tastiera ed il trackpad non è mai stato a livelli concreti di usabilità professionale. Avrei voluto avere la versione con Windows 10 per provare Yoga Book in versione desktop 

Bene la presenza del 4g per connessioni con SIM cosi come la qualità costruttiva con la tastiera che ruota a 180gradi per sparire dietro lo schermo. Diversamente da una tastiera fisica, quest’ultima non avendo i tasti rialzati quando ruotata all’indietro sparisce completamente. Buona soluzione.

Conclusione

In conclusione questo Yoga Book è sperimentalmente nuovo, un passaggio tecnologico che ogni appassinato deve fare ma che alla fine rimane un compromesso inespresso in tutte e 3 le versioni che può diventare. Peccato.

Scheda:

Pro:

  • Costruzione Ottima
  • Alluminio
  • Tastiera Magica
  • Contenuto con Penna Digitale

Contro:

  • Durata batteria
  • Android in versione desktop
  • Fogli di carta praticamente inutilizzati

Voti:

  • Hardware: 7
  • Software: 5
  • Prezzo: 6
  • Voto Finale: 6

My Gallery: