yelp.100milioni

Yelp – la piattaforma e app per la ricerca delle migliori attività commerciali su base locale – taglia oggi un traguardo importante: il raggiungimento di 100 milioni di recensioni postate a livello globale dai suoi attivissimi utenti, gli Yelper, sempre pronti ad andare alla scoperta delle realtà locali in ogni angolo del globo, Italia compresa, dove indirizzi “appetitosi” e bellezze delle maggiori città d’arte dominano la Top 10 dei luoghi più recensiti.

 

Un secolo e mezzo di recensioni online

Guardando a quanto successo dalla fondazione di Yelp nel 2004 ad oggi, insieme gli Yelper hanno scritto circa 10 miliardi di parole in 18 lingue diverse: per leggerle tutte ad alta voce, Yelp stima che sarebbe necessario quasi un secolo e mezzo (146 anni per la precisione). Tutto ha avuto inizio con Jon B., che nell’ottobre 2004 ha condiviso la prima recensione su Yelp per dire la sua sul centro benessere di San Francisco Kabuki Springs&Spa (4/5). Gli Yelper amano parlare soprattutto di servizi e attività di cui sono rimasti soddisfatti e di locali, negozi, luoghi in cui si sono divertiti e in cui hanno vissuto esperienze positive: basti pensare che circa l’80% delle recensioni, infatti, è accompagnato da un punteggio complessivo pari o superiore a 3 stelle su un massimo di cinque, mentre i 2.371 business su Yelp con oltre 1.000 recensioni possono vantare una valutazione media di 4 stelle.

 

L’ascesa del mobile

Yelp si conferma un dinamico specchio delle tendenze che prendono piede nelle città di tutto il mondo non solo quando si tratta di food o shopping, ma anche di mondo digitale. In un momento in cui il mobile rappresenta il canale privilegiato per accedere a informazioni e servizi, nel 2015 Yelp ha rilevato un aumento del 66% delle recensioni caricate da smartphone e tablet rispetto al 2014. In particolare, nel quarto trimestre del 2015 la piattaforma ha registrato una media di 86 milioni di utenti unici al mese che si sono collegati via mobile, costatando che nello stesso periodo ogni 2,5 secondi è stata pubblicata una recensione da dispositivi mobili. Se più del 56% delle foto e delle recensioni viene prodotto con smartphone e tablet, la percentuale sale a 70% quando si tratta di ricerche effettuate lontano dal PC.

 

Uno sguardo all’Italia: la prima recensione e i dieci luoghi più recensiti

Le community di Yelp presenti nel mondo sono più di 120, distribuite in cinque continenti e 32 Paesi, tra cui l’Italia, dove si trovano nelle città di Milano, Roma, Firenze e Napoli. Le diverse community, ciascuna con le sue peculiarità, sono tutte composte da persone che si incontrano regolarmente offline, partecipando a eventi per scoprire insieme il meglio della propria città e le sue novità, per coltivare insieme i propri interessi e le proprie passioni, dalla cucina alla letteratura, spaziando senza limiti fino alla musica, alla fotografia o allo sport, grazie a quanto di speciale e di unico ogni città ha da offrire.

 

Se la prima recensione a livello globale è dedicata a una spa, in Italia il primato va all’hotel a cinque stelle Lugarno (4.5/5) di Firenze, che vanta una preziosa collezione di opere d’arte e una vista mozzafiato sull’Arno e Ponte Vecchio.

Il capoluogo toscano ritorna anche nella classifica dei dieci luoghi più recensiti in Italia dagli Yelper. Sono due, infatti, le attività fiorentine presenti nella Top 10, a dimostrazione che la rinomata tradizione culinaria locale conosce ben pochi rivali: al terzo posto si trova All’Antico Vinaio (4.5/5), famoso per la sua imbattibile schiacciata ripiena, mentre chiude la classifica Mercato Centrale Firenze (4.5/5), dove è possibile acquistare e degustare prodotti locali di alta qualità.

 

A dominare la classifica, però, è la capitale: i luoghi di Roma non solo occupano la prima e la seconda posizione con simboli come il Colosseo (4.5/5) e la Fontana di Trevi (4.5/5), ma ricorrono ben altre cinque volte nella lista. Gli Yelper non hanno saputo resistere né alle inimitabili bellezze artistiche e storiche della città – fotografando e commentando il maestoso Pantheon (4.5/5) e la splendida Basilica di San Pietro (5/5) – né ai suoi inconfondibili sapori: il quarto posto, infatti, va al goloso gelato di Giolitti (4.5/5), seguito dai semplici piatti della cucina tradizionale romana da gustare alla trattoria Da Francesco (4/5). Le recensioni degli Yelper hanno assegnato, inoltre, la nona posizione all’Aeroporto Leonardo Da Vinci (2.5/5) di Fiumicino (RM), principale scalo aeroportuale della capitale.

Infine, Venezia guadagna il sesto posto grazie a Dal Moro’s (4.5/5), rinomato per la sua eccellente pasta fresca.

 

Top 10 dei luoghi più recensiti in Italia
1.      Colosseo (4.5/5) – Roma 6. Dal Moro’s (4.5/5) – Venezia
2.      Fontana di Trevi (4.5/5) – Roma 7. Pantheon (4.5/5) – Roma
3.      All’Antico Vinaio (4.5/5) – Firenze 8. Basilica di San Pietro (5/5) – Roma
4.      Giolitti (4.5/5) – Roma 9. Aeroporto Leonardo Da Vinci (2.5/5) – Roma
5.      Da Francesco (4/5) – Roma 10. Mercato Centrale Firenze (4.5/5) – Firenze

La classifica consente inoltre di farsi un’idea di quali siano le categorie di luoghi più recensite in Italia: quella dei monumenti/luoghi storici di interesse, infatti, raccoglie il maggior numero di commenti, seguita dalle specialità gastronomiche italiane, a dimostrazione che, quando si parla dell’Italia, arte e cibo sono il connubio perfetto. La terza categoria più recensita è poi servizi pubblici e amministrazioni locali, mentre i numerosi musei che l’Italia può vantare e le librerie chiudono la Top 5.

 

“Da oltre dodici anni Yelp è il lo strumento ideale per entrare in contatto con le migliori attività locali in tutto il mondo, Italia compresa. Grazie all’impegno costante delle nostre community di Milano, Roma, Napoli e Firenze, che ogni giorno provano, recensiscono e fotografano il meglio della loro città, Yelp è davvero la guida locale più completa e utile per scoprire il proprio territorio” afferma Kristina Grancaric, portavoce di Yelp in Italia.

INFOGRAFICA:

yelp.100milioni.full

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn