image

Wahanda, il più grande portale di prenotazione online in Europa per i trattamenti di bellezza e benessere, annuncia il rebranding che segna il passaggio a Treatwell.

Il rebranding rientra in una strategia che ha l’obiettivo di unificare l’azienda sotto un unico marchio – Treatwell – a fronte della continua accelerazione della sua espansione internazionale. Attualmente Treatwell è attivo in 10 paesi europei: Regno Unito, Irlanda, Germania, Paesi Bassi, Francia, Spagna, Italia, Svizzera, Austria e Belgio.

Treatwell offre un servizio a portata di clic per prenotare trattamenti di bellezza e benessere e rappresenta una soluzione smart per rispondere alle esigenze di consumatori e proprietari di saloni. Tramite l’app e il sito di Treatwell gli utenti possono cercare e prenotare il proprio appuntamento in modo semplice e rapido, scegliendo tra migliaia di opzioni. I proprietari di saloni e spa hanno accesso a un vasto marketplace che offre nuove opportunità di guadagno e un supporto quotidiano nella gestione della propria attività grazie all’agenda professionale e al software Treatwell Connect per la gestione dei clienti. I parrucchieri ed i saloni che operano nel settore della bellezza possono usare Treatwell per riempire gli orari vuoti in agenda, per ridurre le disdette e costruire un’invidiabile reputazione online grazie ai punteggi assegnati dai clienti e alle loro recensioni.

“Continuiamo a perseguire obiettivi globali e operare in ogni paese sotto un unico brand rappresenta una scelta coerente. Abbiamo anche colto l’occasione per migliorare l’esperienza sia dei nostri clienti che dei nostri partner commerciali” spiega Lopo Champalimaud, fondatore di Wahanda e CEO del gruppo Treatwel

In concomitanza con il rebranding, Treatwell svelerà anche alcune importanti novità che coinvolgono l’agenda, il sistema di gestione clienti, tra cui l’aggiunta della funzionalità POS, opzioni per la gestione delle risorse e il perfezionamento del sistema di email marketing. In questo modo Treatwell lancia la sfida ai principali software provider e offre ai proprietari di attività legate al mondo della bellezza e benessere la soluzione più conveniente sul mercato. Le nuove funzioni verranno lanciate in Germania nel mese di gennaio e saranno disponibili nel Regno Unito entro l’estate per poi arrivare su tutti i mercati europei.

“Il rebranding che segna il passaggio a Treatwell ha conferito alla nostra azienda una brand identity e un tone of voice rinnovati e innovativi: tutto questo ci consente di raggiungere i nostri clienti in maniera ancora più emozionale. Infine, crediamo che il rebranding e le novità ad esso collegate ci permetteranno di generare nuove opportunità di business per i saloni di bellezza e le spa che fanno parte del nostro network”.

Treatwell

Treatwell è la piattaforma di prenotazione online per i trattamenti beauty e benessere leader in Europa. Con sede a Londra, il gruppo è stato fondato da Lopo Champalimaud nel 2008 e oggi conta più di 500 dipendenti in tutta Europa, oltre 20.000 saloni e centri benessere affiliati e più di 10 milioni di persone che ogni anno utilizzano il servizio per prenotare trattamenti beauty e benessere. Treatwell registra una crescita superiore al 300% anno su anno. Il fatturato previsto per il 2016 supera i 100.000.000 di euro.

www.treatwell.it

I numeri globali di Treatwell

•          Treatwell è presente in 10 paesi europei: Regno Unito, Irlanda, Germania, Paesi Bassi, Francia, Spagna, Italia, Svizzera, Austria e Belgio

•          Nei prossimi cinque anni Treatwell punta a espandersi fino a essere presente in 20 paesi

•          Ogni anno sulla piattaforma di Treatwell vengono effettuate oltre 10 milioni di prenotazioni

•          Più del 50% delle prenotazioni è effettuato tramite mobile e tablet

•          Più del 45% delle prenotazioni è effettuato al di fuori dell’orario di lavoro

•          Il 20% delle prenotazioni prevede un appuntamento entro le 3 ore successive

•          Il fatturato previsto per il 2016 è pari a 100 milioni di euro

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn