image

Di tutti i prodotti di Apple l’iPad seppur da molti considerato anche come strumento di business nella realtà risulta un prodotto così come lo aveva immaginato già Steve Jobs molti anni fa ovvero un strumento di lettura e di consultazione. Certamente non un device dedicato alla produttività.

IPad Pro è il tassello mancante proposto da Apple che vuole essere  la risposta produttiva a chi vuole usare un Tablet per ogni situazione che sia di svago e, appunto, professionale.

È lo stesso Tim Cook,  numero uno dell’azienda Californiana a definire iPad Pro come vero strumento che nel tempo andrà a sostituire per molti il tradizionale PC.  Una affermazione già accolta da tempo dalle parti di Microsoft con il proprio Surface.

image

Se però Microsoft crede nell’integrazione dei due mondi, Apple ritiene invece che il mondo desktop e mobile possano convivere anche sovrapporsi eccessivamente lasciando al consumatore la scelta di quel dei due mondi abbracciare: la leggerezza dei nuovi MacBook, oppure la grandezza dei nuovi Tablet iPad Pro.

Un passaggio quello di oggi che pone un interrogativo all’utente che la Apple di Jobs non avrebbe dato ma che oggi, invece,  sembra la base del nuovo marketing (state pensando all’iPhone Plus?).

Dietro tutta questa rivoluzione dei prodotti non c’è  però soltanto la volontà di vendere più unità ma piuttosto di offrirsi ai diversi utenti c’è possono avere interessi ed esigenze diverse che si riassumono in utilizzo più casalingo oppure più professionale ( mescolando alle volte i due mondi)

Ecco dunque iPad Pro pensato per l’utenza professionale che vuole la leggerezza di un Tablet con quasi le funzioni per un PC,  allo stesso tempo ecco iPad Pro pesato anche per il privato che una volta per tutte vuole sbarazzarsi del PC per abbracciare definitivamente il mondo delle tavolette digitali.

Una sfida non da poco quella di Tim Cook e soci se pensiamo all’andamento del mercato dei Tablet oggi fagocitato dalle vendite degli smartphone di grande dimensione.  É questo il momento per Apple di entrare in azienda dalla porta principale, ovvero quello della produttività?

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn