Esistono quelle novità che compaiono all’interno del social network o per meglio dire all’interno delle applicazioni che permettono di gestire i Social Network che passano in qualche modo in secondo piano ma che possono invece determinare una novità significativa nel loro utilizzo.

È questo il caso delle novità introdotta da Instagram per cui è possibile tra poco tempo caricare foto multiple e video (fino a 10) in un unico post permettendo di fatto agli utenti di creare veri e propri album organizzati all’interno di singoli invii.

La novità va a scardinare un altro punto fermo per cui si distingueva l’intero essere di Instagram ovvero quello di organizzare la propria raccolta fotografica e la condivisione dei propri momenti all’interno di poche foto eri elaborate e messe a disposizione di tutti stanno attenti a una vera e propria selezione naturale.

Se ci pensiamo bene quello che fino a oggi facevamo con instagram era quello che fino a poco tempo fa veniva fatto con le fotografie intesi non digitali ma da rullino cioè selezionare poche fotografie da conservare escludendo tutte le altre prendendo cioè come riferimento solo le migliori.

Questo punto fermo di Instagram mi ha sempre stuzzicato ed avvicinato in qualche modo a questo social in maniera più distinta ed in qualche modo professionale è sempre stato il suo modo di distinguersi rispetto ad altri social come Facebook dove gli utenti postano indiscriminatamente raccolta di fotografie senza alcun minima selezione.

Quantità a discapito della qualità?

Oggi con questa novità Instagram introduce sicuramente qualcosa che agli utenti può piacere ma che hai veri appassionati di Instagram potrà forse fa storcere il naso abituati come sono a un’attenta selezione delle immagini da utilizzare nella creazione del proprio post, ovvero del proprio momento e quindi del proprio ricordo personale.

Se tutto questo porterà nel breve periodo ad una maggiore quantità di immagini solo il tempo ci dirà se la qualità delle stesse sarà scesa o no.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn