Ebay Remarketing

Il Remarketing (o Retargeting) è quella particolare forma di pubblicità online che si basa sulle azioni degli utenti intraprese durante la navigazione che permette di continuare a mostrare annunci inerenti a quanto visto anche dopo che questi hanno lasciato il sito web.

Semplificando il suo funzionamento si può dire che il suo utilizzo è legato alle visite degli utenti che entrano nel nostro sito senza acquistare nulla. Questi uscendo e navigando su altri siti web vengono in qualche modo seguiti continuando a visualizzare annunci inerenti al nostro sito con proposte legate a quanto visualizzato durante la visita

Lo strumento viene ritenuto molto efficace ed è usato massivamente all’interno delle campagne AdWords ed Adsense di Google perché basata sugli interessi e sulla volontà diretta di acquisto da parte degli utenti che quasi sempre non si limitano ad un acquisto diretto dei beni e servizi alla prima vista, ma consultano varie volte il sito prima di prendere la decisione finale.

Remarketing

La possibilità di continuare ad esporre banner e messaggi pubblicitari di beni appena consultati sul proprio sito anche dopo averlo lasciato è da intendersi non solo come una possibilità aperta ad un ritorno del potenziale cliente ma anche una continuazione dell’esposizione dei prodotti voluti per tenere alto il bisogno.

Questa potenzialità è ben conosciuta da Ebay che da tempo non solo la utilizza ma ne trae particolarmente beneficio se pensiamo che sempre più spesso ad ogni visita fatta all’interno del popolare sito di aste online una visualizzazione di banner relativi a quanto visto continua ad imprimersi all’interno del nostro browser anche la dove si stia navigando in altri siti web.

EBAY UTILIZZA IL REMARKETING SU DIVERSI CANALI E SERVIZI

Ebay utilizza il Remarketing non solo sfruttando Google con campagne AdWords ed Adsense ma si spinge oltre come ho potuto constatare. La continuità dei messaggi di ebay non è limitata alla navigazione sul motore di ricerca e su tutti i siti facenti parte della rete pubblicitaria ma include anche il mondo dei social network.

Facebook, infatti, include un programma di remarketing molto simile a Google, che attinge dai nostri cookies per esporre, all’interno della timeline del proprio profilo, non solo pubblicità proprietarie ma anche messaggi legati a precedenti visite, ovvero in piena filosofia di remarketing. A questa funzione di appoggia Ebay che amplifica in questo modo la propria visibilità in territori ancora poco esplorati ma che già sembrano terreno fertile per una crescita continua.

A questo punto conviene chiedersi se siamo di fronte ad un uso eccessivo di questa tecnica pubblicitaria oppure ad una evoluzione aggressiva di quanto potrebbe succedere a breve.

Il mio parere è che la sperimentazione di nuove tecnologie di visualizzazione di pubblicità in qualche modo è sempre soggetta ad un primo utilizzo da parte di grandi investitori che solo grazie alla propria possibilità economica ed al numero di utenti coinvolti possono creare un precedente da analizzare e sfruttare nel medio periodo.

EBAY UN ESEMPIO SPERIMENTALE DA SEGUIRE

Il remarketing di Ebay è invasivo per il fatto di risiedere in un territorio poco esplorato e dove pochi soggetti possono fargli concorrenza. Banner ed annunci pubblicitari che coinvolgono diversi canali, social network e servizi online non sono al momento troppo sfruttati e dunque più liberi.

Per rispondere alla domande del titolo si potrebbe dire che quanto fatto da Ebay sul piano del remarketing è oggi una anticipazione di quello che potrebbe succedere per tutti successivamente, e quindi da prendere come esempio e da seguire, anche senza numeri utili ma soltanto con la certezza di quanto scelto dal gigante delle vendite può essere solo accurata via sperimentale.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn