spectacles_pantone

Quanto si sente parlare di Snapchat? Il “nuovo” social utilizzato prettamente dalle generazioni più giovani e che risulta incomprensibile per gli over 30?

Ecco, oltre a diventare un fenomeno sempre più vincente, questo social, basato su una condivisione del momento “istantanea” che deve essere tale (i contenuti condivisi vengono eliminati automaticamente dopo 24 h) adesso, per aumentare la realtà dell’ “ora e subito”,  ha lanciato i suoi occhiali-videocamera, gli Spectacles, che stanno riscuotendo un enorme successo nonostante non siano in vendita in nessun negozio, ecommerce o punti dichiarati, ma siano invece messi a disposizione, al prezzo di $ 129,99, attraverso dei bot-distributori itineranti che si calano dal cielo con dei palloncini gialli, giusto per non dare nell’occhio, chiamati Snapbot, questi simpatici distributori si spostano facendo un tour degli Stati Uniti, restando nello stesso luogo per massimo 24 ore, esattamente come uno snap.

snapbot-678x381

Gli occhiali hanno un bel design, accattivante e giovane, con una batteria che dura circa 1 giorno e si auto-ricaricano quando vengono inseriti nella loro custodia. Tramite una videocamera sul lato destro e un piccolo display led su quello sinistro, gli occhiali, collegati tramite wi-fi o via bluetooth allo smartphone sono in grado, tramite lo sfioramento dell’asticella laterale, di dare inizio allo short video sharing creando un video di 10 secondi che in automatico può essere condiviso su Snapchat appunto.

Trovata geniale, sia di prodotto che di marketing, non c’è niente da dire.

Per quanto l’innovazione dei Google Glass fosse stata accolta con trepidante aspettativa gli errori di Big G sono stati tanti: Design, prezzo, attesa, ecc.

Questi sono perfetti, con un costo che possono permettersi anche i ragazzini e che già si pongono come un’esclusiva.

 

Per ora, se sapete cos’è Snapchat e vorreste provare gli occhiali, purtroppo la distribuzione in Europa resta molto lontana, accontentiamoci di un video giusto per provare l’emozione.

Io continuo a farmi i selfie con i suoi filtri.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn