g.apple

Mountain View batte Cupertino, in particolare Alphabet la holing a cui fa capo Google vale oggi con 533,20 miliardi di dollari di capitalizzazione contro i “soli” 532,72 di Apple.

Un sorpasso che vale di piu in termini di immagine che di reale modifica degli scenari tecnologico-finanziari. Un cambio che in termini assoluti ci dimostra come Google sia in ottima forma e come Apple forse deve cominciare a guardarsi alle spalle con un business sempre in continuo movimento.

Le differenze tra le due aziende si tramutano in una visione diversa che vuol dire vendite nel reparto hardware per Apple e servizi integrati di software per Google con il core business ancora legato all’advertising online

Se la situazione attuale moderna é ben definita per il futuro le cose si complicano considerando che Google é alle prese con un cambio continuo dell’esperienza d’uso dei propri servizi rimanendo sempre attenta a ciò che l’utente finale vuole trovare in risposta. Ieri ed oggi con il Computer, nel breve periodo con gli smartphone ed in un prossimo futuro con device ancora da scoprire (realtà virutale?) e magari device sempre piu completi avendo come base il sistema operativo Android.

Dall’altra parte Apple si trova in qualche modo nella stessa identica situazione con uno scenario attuale ben definito e con un futuro tutto da scrivere seppur legato al mondo hardware, dei device e dei computer. La società di Cupertino passata al secondo posto, anche se con margini che appaiono risicati, deve oggi non dormire sugli allori ma pensare ad un prossimo business fatto anche si software e soprattutto servizi, alla base di future piattaforme e quindi business.

E’ l’unione delle forze tra hardware, software, sistema e servizi la chiave vincente per il futuro dell’aziende dell’IT ed in particolare dei grandi nomi della tecnologia.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn