Google-Maps-logo

Forse è capitato anche voi che dopo aver utilizzato Google Maps, magari per raggiungere un luogo o meglio una attività commerciale, veniate contattati dalla applicazione per rispondere a determinate domande che riguardano proprio il punto di interesse raggiunto.

Quella che può sembrare una semplice attività di raccolta di informazioni che vanno dagli orari di apertura dalla gentilezza del personale o da tutta una serie di informazioni legate alla tipologia di attività raggiunta in realtà c’era un bisogno estremo di raccolta di informazioni.

Informazioni che non solo riguardano chi gestisce l’attività commerciale ma anche chi segue la visibilità:  Google come qualsiasi altra azienda che si propone sul mercato della pubblicità ha estrema necessità di raccogliere informazioni per offrire un servizio migliore ai propri utenti.

Nell’utilizzare Google Maps l’utente accresce un database di informazioni che va a completare la semplice e classica metodologia di raccolta di questi dati che normalmente Google svolge tramite i propri spider, ovvero tramite il proprio motore di ricerca la ricerca.

Accrescere la fonte di dati passando attraverso Google Maps per arrivare agli utenti riguarda in realtà  un lato più profondo della piattaforma. Un coinvolgimento di più tecnologie e servizi integrati di Google come Plus o Google Business che vanno a corredare il castello di informazioni. Se Google é leader nel rispondere alle domande tramite il proprio motore di ricerca, perché come sappiamo é basato sui contenuti di siti web, non è così vero nel comportamento sociale delle persone. Queste attività più social sono normalmente racchiuse all’interno di servizi come Facebook, Twitter o TripAdvisor giusto per citarne alcuni, con dati non completamente accessibili, ma di enorme valore.

Rimane quindi di vitale importanza per Google raccogliere quante piu informazioni possibile andando a completare ciò che in questo momento altri possono offrire. Una necessita che possa accrescere sempre di più la centralità del motore di ricerca anche ove sembri in difetto.

Mosse queste di Google che sono il passaggio obbligatorio per diventare il leader nel mercato anche nelle interazioni sociali dal basso e nell’offerta informazione legata alla singole attività sia ludiche dice che commerciali.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn