image

Anche questo Black friday giunge al termine e
per tirare le somme è alquanto presto, così come sapere se questo fenomeno tutto americano sia stato definitivamente sdoganato anche alle nostre latitudini.

Presente da anni in America tanto da diventare oggi non solo una moda ma anche motivo di scontro tra ideologie che vedono contrapposti i negozianti con i paladini del consumismo estremo, e dall’altra coloro che vorrebbero che questo fenomeno, figlio dell’uso e del consumo a tutti i costi, debba essere ridimensionato a qualcosa di più sostenibile.

Una lotta interna che vede i negozianti anticipare il Black friday addirittura dal pomeriggio del giorno prima ovvero nel Giovedì del Thanksgiving,  il giorno del ringraziamento,  cioè la festività USA sentita importante almeno  quanto il Natale, trovando tante contrapposizioni tanto da diventare,  come si diceva, motivo di scontro ideologico.

In questa mutazione sociale il Venerdì Nero tutto nostrano non si é ancora trasformato restando così nella sua verginità fatta di sconti disponibili in negozi e siti web di commercio online.

Un successo in crescendo che di anno in anno ha coinvolto, a quanto pare,  più l’offerta che la domanda.  Ma come sappiamo spesso é proprio l’offerta che crea la domanda.

Dunque un futuro con un Natale in saldo é alle porte?

Uno scenario di sconti anche durante le feste più importanti dell’anno non solo è fattibile ma sinceramente auspicabile perché solo le mosse commerciali a colpi di ribassi possono movimentare un mercato che sembra stagnante da tempo e che può trovare sfogo in canale online,  nei siti di ecommerce o direttamente nella grande distribuzione.

Se questo vi sembra impossibile provate a pensare quanto ad oggi i periodi di saldi si siano sempre di più avvicinati nel tempo a ridosso dei momenti di vendita migliori dimostrando che la necessità di vendere supera anche la quantità dell’offerta, nei tempi e nei modi.

Ecco dunque che il Black Friday  in Italia può essere oggi considerato più che altro un momento promozionale  ma che in futuro può trasformarsi anche da noi nell’inizio del periodo delle vendite natalizie,  in promozione naturalmente

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn